Chiesa di Sant’Antonio

Punti di Interesse Religiosi - Latiano - Piazza Bartolo Longo

DESCRIZIONE

Originariamente la chiesa era una piccola cappella dedicata all’Annunziata probabilmente costruita nel XIII secolo e ricostruita del 1500 grazie alle donazioni della famiglia De Santis, feudatari di Latiano. Nel 1708 fu ampliata e nel 1875 furono aggiunta delle navata laterali nel 1875. La Confraternita della Morte, istituita nella prima metà del ‘600, amministra ancora oggi questo edificio di culto. L’edificio ha pianta basilicale a tre navate e si presenta con la facciata monocuspidata con un fastigio solo nella parte che riguarda la navata centrale. La facciata è semplice, divisa in tre parti da paraste tuscaniche, il piano inferiore è diviso da quello superiore da una cornice aggettante, la parte della navata centrale, più alta, offre un timpano spezzato mistilineo con al centro la croce. Il portale d’ingresso mostra un timpano spezzato mentre i due portali laterali si presentano con timpano curvilineo.
In questa chiesa si conservano le statue dei misteri, opere di ottima fattura di artisti leccesi che vengono esposte nella processione del Venerdì Santo duranti i riti della Settimana Santa. All’interno da notare la cappella di Sant’Antonio, in stile gotico, del modellatore Vincenzo Costantini, decoratore e artista latianese, realizzata in occasione dei 700 anni dalla morte di Sant’Antonio da Padova.

ITINERARI

STORIE E RACCONTI ECOMUSEO

Non ci sono storie legate a questo punto di interesse

MULTIMEDIA ECOMUSEO

Non ci sono contenuti multimediali legati a questo punto di interesse