Masseria Canali

Punti di Interesse Gastronomici - Mesagne - Non definito

DESCRIZIONE

Masseria Canali è un bene confiscato, una volta appartenuto alla criminalità mafiosa. Adesso è un luogo aperto alla comunità.
Nasce per essere un punto di riferimento nel mondo delle masserie didattiche, dei luoghi e delle persone che si occupano di sviluppo rurale, sociale e culturale. Un luogo dove sperimentare nuovi stili di vita, conoscere e degustare cibo vero e condividere conoscenze.
Il bene è affidato alla cooperativa Terre di Puglia – Libera Terra che ha già provveduto a riqualificare nella provincia di Brindisi circa cento ettari di terreno confiscato e coltivato a seminativo, oliveti, orticole e vigneti.

Le attività del campo sono consigliate a Partecipanti dai 14 ai 35 anni.

Attività previste:
Le attività della settimana si svolgono giornalmente in due momenti. La mattina è previsto un lavoro nei terreni e nei beni. In base ai tempi delle diverse raccolte si aiuteranno gli operai nella raccolta dei pomodori e nella selezione delle uve dal vigneto e la sua pulizia. Inoltre è prevista la costruzione di una copertura per la parte esterna della masseria con le canne raccolte dal bordo del canale che passa tra i campi coltivati.
Nel pomeriggio si terrgono i momenti formativi, che prevedono anche visite alle realtà sociali più significative del territorio (EX-FADDA) e conoscenza della comunità e delle associazioni vicine a Libera Brindisi che lottano per la salvaguardia del territorio. Le visite ai luoghi più belli e significativi vengono gestiti e stabiliti con i volontari, lasciando sempre un giorno a settimana per la  irrinunciabile gita al mare.

Attività manuali previste:
– Raccolta pomodori e ortaggi;
– Cura dei vigneti;
– Costruzione copertura in canne;
– Sistemazione immobili.

Alloggio:
– L’alloggio è all’interno della scuola;
– Si dorme al chiuso e in camerate con suddivisione uomo/donna;
– L’alloggio non coincide con il luogo delle attività e dista circa 5 km dal bene confiscato;
– Gli spostamenti per le uscite sul territorio avverranno con pulmini 9 posti.

Informazioni utili:
– Il campo è attrezzato per ospitare portatori di handicap;
– L’alimentazione prevista durante il campo è pensata anche per vegetariani/celiaci previa segnalazione;
– La cucina è gestita dai volontari con un supervisore. E’ inoltre gradito il dono di un prodotto tipico da parte dei volontari, che verrà condiviso con tutti i partecipanti per rappresentare il proprio territorio.

Materiali obbligatori da portare:
– Scarpe da trekking o comunque da tennis, chiuse e comode, costume da bagno.

STORIE E RACCONTI ECOMUSEO

Non ci sono storie legate a questo punto di interesse

MULTIMEDIA ECOMUSEO