Porta del carmine

18 Feb 2017

A questa porta sono legate tante pagine della storia di Francavilla: qui i gabellieri controllavano tutte le merci e vi applicavano i dazi; le guardie sorvegliavano i flussi dei cittadini. Di rilievo l’arrivo a Francavilla di Michele IV Imperiali ed Eleonora Borghese, scortati da centinaia di cavalieri e decine di carrozze. Ma si ricorda anche un evento doloroso, avvenuto nel febbraio 1818: quando le teste dei giustiziati della setta dei Decisi furono appese alle porte cittadine.

La porta, danneggiata dal fenomeno dell’erosione, ha tre fornici con ghiera a conci; ai lati dei fornici, su alti basamenti, sono addossate alla parete semicolonne con capitelli di ordine composito. La trabeazione sporge con dadi in corrispondenza dei capitelli; la struttura è chiusa in alto da una cornice che segue il motivo del fregio.

REGIONE PUGLIA - PSR 2007/20016 - INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO