Il territorio dell’Aggregazione Territoriale/SAC “L’Appia dei Messapi: dalle Murge al Salento” trova coesione e convergenza su due scenari di scoperta del territorio, riassumibili come da Strategia di Sistema:
Scenario storico-territoriale, caratterizzato dalla via Appia, che, come ultimo tratto di una spina dorsale collega Francavilla Fontana, Oria, Latiano, Mesagne, centri di primo impianto territoriale storico, creandosi un ponte verso il Mediterraneo attraverso il porto di Brindisi;
Scenario ponte-culturale, quello della Piana Brindisina, che partendo da Villa Castelli procede per Francavilla Fontana, Oria e Latiano, per raggiungere Mesagne, Torre Santa Susanna, San Pancrazio Salentino, San Donaci e San Pietro Vernotico, delimita un territorio di passaggio, una terra di mezzo che, culturalmente e paesaggisticamente, rappresenta uno snodo trai due sistemi territoriali indicati.
Occasione di innovazione dell’offerta turistica e incremento dell’attrattività del territorio, l’Aggregazione Territoriale/SAC intende raggiungere i seguenti risultati:
– costruire un sistema di itinerari garantito per qualità dei servizi sostenibilità e praticabilità;
– qualificare l’offerta dei servizi attraverso il potenziamento e il rinforzo funzionale dei punti di Informazione e Accoglienza Turistica non ancora accreditati nel Sistema Regionale, nonché il potenziamento dei 3 IAT dell’Aggregazione, già accreditati;
– integrare il sistema di offerta proposto con un sistema ecomuseale, in termini di contenuti culturali e di gestione dei beni.
– attivare intese convenzionali tra pubblico-privati ed enti religiosi per la creazione di pacchetti turistici che completano l’offerta ricettiva con l’offerta di conoscenza sull’ambiente e sulla cultura dei luoghi;
Servizi
1) guide turistiche professionali/operatori culturali;
2) servizio di accoglienza turistica (operatori di front office);
3) a sostegno del lancio degli itinerari si è predisposto un servizio noleggio bus navetta, eccellenza del Servizio.
Infrastrutture materiali
1. Cartellonistica /segnaletica stradale, indispensabile per la riconoscibilità dei luoghi/beni, l’identificabilità geografica degli itinerari, l’armonizzazione sui tre itinerari da ricondurre ad un unico sistema.
Infrastrutture immateriali
1. Realizzazione di una piattaforma web di ausilio al visitatore, prima e durante il soggiorno. Il sito, realizzato in più lingue, permetterà di visitare i luoghi in modo innovativo, creativo ed esperienziale. Durante la visita potrà utilizzare un App per i punti di interesse secondo un raggio da lui indicato.